stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Gela, scoppia la protesta: "Il reparto di urologia non si tocca"
OSPEDALE VITTORIO EMANUELE

Gela, scoppia la protesta: "Il reparto di urologia non si tocca"

di
Gela, OSPEDALI, sanità, Caltanissetta, Cronaca
L'ospedale Vittorio Emanuele di Gela

«Urologia è un reparto di eccellenza, nessuno provi a smontarlo». Ad affermarlo sono il segretario provinciale della Cgil, Ignazio Giudice e il segretario generale Funzione Pubblica di Caltanissetta Rosanna Moncada che con una nota intervengono sul paventato rischio di chiusura del reparto di urologia dell'ospedale «Vittorio Emanuele» di Gela.

Rischio che però viene categoricamente smentito dal manager dell'Asp di Caltanissetta, Alessandro Caltagirone. «Apprendiamo scrivono i sindacati - di un ulteriore depotenziamento del reparto di urologia presso l'ospedale Vittorio Emanuele di Gela, del ridimensionamento delle consulenze di urologia a Mussomeli e sempre a Mussomeli segnaliamo che le consulenze pediatriche si sono ulteriormente ridotte tanto che a gennaio il pediatra si è recato all'ospedale una sola volta e da ciò che sappiamo da febbraio andrà due volte al mese».

«Più di sei mesi fa - spiegano Giudice e Moncada - abbiamo chiesto l'apertura di un reparto di oculistica a Gela, un aumento delle prestazioni settimanali a Mussomeli e invece a distanza di un semestre ci ritroviamo con altri tagli di reparti di vitale importanza».

L'articolo completo sull'edizione del Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X