stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Venturi al processo Montante: c’era una finta microspia per incastrare il giornalista
CALTANISSETTA

Venturi al processo Montante: c’era una finta microspia per incastrare il giornalista

Caltanissetta, Cronaca
L'ex assessore Marco Venturi

«Durante una riunione in Confindustria Centro Sicilia nell’aprile del 2015 il direttore Carlo La Rotonda mi disse che qualche giorno prima gli era stato ordinato da Antonello Montante e da Diego Di Simone (l’ex capo della Security di Confindustria, ndr) di effettuare una bonifica nei locali dell’associazione per verificare la presenza di microspie. La Rotonda mi aveva anche mostrato una microspia, a suo dire ritrovata, all’esito di quelle operazioni di bonifica, all’interno di un termosifone della sala d’aspetto». A raccontare l’episodio è l’imprenditore Marco Venturi, ex assessore regionale alle Attività Produttive, chiamato oggi a deporre come teste nell’ambito del processo che si celebra a Caltanissetta con rito ordinario sul Sistema Montante.

“Contestai che mi sembrava assurdo tutto ciò - continua Venturi - e che bisognava contattare le forze dell’ordine. Su questi fatti abbiamo avuto anche una discussione violenta. La Rotonda mi disse che l’input gli era stato dato da Montante e De Simone e che la necessità di dar luogo a quelle operazioni all’interno degli uffici della associazione era scaturita da una visita che, due giorni prima, il giornalista Gianpiero Casagni aveva fatto. A suo dire era stato proprio Casagni a piazzare abusivamente la microspia». La Rotonda, secondo quanto emerso dagli atti, andò a denunciare quel fatto soltanto diversi giorni dopo fornendo una versione diversa dei fatti. Nella denuncia formale, il direttore di Confindustria Centro Sicilia non aveva fatto cenno ai sospetti su Casagni e aveva motivato la bonifica come un’esigenza sorta in seguito a un’interruzione dell’energia elettrica.

«La mia impressione - ha detto Marco Venturi - fu che tutta questa vicenda fosse stata creata per far apparire il giornalista coinvolto in attività di spionaggio su Montante e che la stessa non fosse poi andata in porto per la netta contrarietà che avevo dimostrato». Sono 17 gli imputati nel processo: l’ex presidente del Senato Renato Schifani, l’ex direttore dell’Aisi Arturo Esposito, il caporeparto dell’Aisi Andrea Cavacece, Massimo Romano, Massimo Cuva, il colonnello dei carabinieri Giuseppe D’Agata, il sindacalista Maurizio Bernava, gli imprenditori del settore sicurezza Andrea e Salvatore Calì, Rosetta Cangialosi, Carmela Giardina e Vincenzo Mistretta (tre dipendenti di Montante), il poliziotto Salvatore Graceffa; il dirigente di Confindustria Carlo La Rotonda; il maggiore della Guardia di Finanza Ettore Orfanello; il luogotenente Mario Sanfilippo e il colonnello dei carabinieri Letterio Romeo.

I favori all'ufficiale della Guardia di Finanza

«Il comandante provinciale della Guardia di Finanza, il colonnello Gianfranco Ardizzone, mi chiese se potevo assumere la figlia che si era trasferita da poco a Caltanissetta. Dissi che non potevo. Chiamai Massimo Romano e gli chiesi se aveva disponibilità, poi so che l’assunse al consorzio Cofidi di Caltanissetta», ha continuato l'ex assessore regionale  rispondendo al pm Maurizio Bonaccorso sui rapporti tra l’ex leader di Confindustria Antonello Montante e gli ufficiali della Guardia di Finanza. «Quanto al maggiore Ettore Orfanello so che la sua compagna - spiega Venturi - in precedenza alle dipendenze di un supermercato di Caltanissetta di Massimo Romano, venne assunta dallo stesso Romano al Confidi di Caltanissetta». Sempre su Orfanello Venturi ha raccontato che fu fatta una verifica ispettiva della Guardia di Finanza all’interno della sua azienda coordinata proprio dal maggiore. «La verifica si chiuse regolarmente - spiega Venturi - visto che non era stata riscontrata alcuna irregolarità. Qualche mese dopo passeggiavo in centro a Caltanissetta con Montante e quest’ultimo mi disse che anche l’imprenditore di Gela Carmelo Turco aveva subito una verifica della Guardia di Finanza ed aveva versato somme di danaro all’Orfanello affinché questi ‘chiudesse un occhiò su alcune irregolarità che erano state riscontrate nel corso delle operazioni. A quel punto - aggiunge Venturi - Montante mi fece presente che avrei dovuto erogare la somma di 2.500 euro all’ufficiale della Guardia di Finanza, lasciandomi intendere che anche nel mio caso era stato chiuso un occhio grazie ai suoi rapporti con Orfanello, ma mi rifiutai, anche perché non era stata riscontrata alcuna anomalia in relazione alla mia azienda. Tutto ciò provocò un forte disappunto di Montante che aveva poi lasciato cadere il discorso».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X