stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Processo Montante bis, ecco le parti civili ammesse e quelle respinte
CALTANISSETTA

Processo Montante bis, ecco le parti civili ammesse e quelle respinte

Caltanissetta, Cronaca
Antonello Montante

Quattro richieste di costituzione di parte civile sono state respinte dal gup di Caltanissetta Emanuela Carrabotta nel corso dell’udienza preliminare di questa mattina sull'inchiesta «Montante bis». Si tratta di Gianpiero Casagni, Vincenzo Basso, Salvatore Iacuzzo e Salvatore Petrotto. Ammesse invece le richieste avanzate da Marco Venturi, Pietro Di Vincenzo, Salvatore Moncada, Ismail Mohammed Kalil, Giuliana Geraci, Comune di Caltanissetta, Camera di Commercio di Caltanissetta, Tullio Giarratano, Umberto Cortese, Alfonso Cicero, Ministeri degli Interni, Economia e Difesa, assessorati regionali all’Energia e Attività Produttive, Regione Sicilia, Pasquale Tornatore, Filippo Scalzo e Giuseppe Amato.

Accolte le eccezioni sollevate dai difensori del colonnello Giuseppe D’Agata, gli avvocati Giuseppe Dacquì e Mario Brancato, e del legale del colonnello Gaetano Scillia, l'avvocato Francesco Siracusa. In particolare sono state escluse la costituzione di parte civile di Salvatore Moncada, per quanto riguarda la posizione dei colonnelli D’Agata e Scillia, e la costituzione di Ismail Mohammed Kalil, Giuliana Geraci, Tullio Giarratana e Umberto Cortese nei confronti del colonnello D’Agata. Il Comune di Caltanissetta non potrà costituirsi parte civile soltanto per due capi di imputazione.

Sono tredici gli indagati dell’inchiesta Montante bis, tra esponenti politici, ex assessori regionali, imprenditori e rappresentanti delle forze dell’ordine, accusati di aver fatto parte del «sistema Montante». La Procura di Caltanissetta contesta presunti finanziamenti illeciti che sarebbero stati erogati per sostenere la campagna elettorale dell’ex governatore Crocetta. Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione, accesso abusivo al sistema informatico e finanziamento illecito ai partiti. Tra gli indagati oltre a Montante, anche l’ex presidente della Regione Rosario Crocetta, gli ex assessori Linda Vancheri e Mariella Lo Bello, l’ex commissario Irsap Maria Grazia Brandara, gli imprenditori Giuseppe Catanzaro, Rosario Amarù e Carmelo Turco, Vincenzo Savastano vice questore aggiunto della polizia all’epoca dei fatti presso l’ufficio di frontiera di Fiumicino, Gaetano Scillia capocentro Dia di Caltanissetta dal 2010 al 2014, Arturo De Felice direttore della Dia dal 2012 al 2014, Giuseppe D’Agata colonnello dei carabinieri e Diego Di Simone Perricone ex capo della security di Confindustria. La prossima udienza è stata fissata per il 19 marzo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X