stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Gela, operaio precipita da un'impalcatura: è grave. Troupe televisiva aggredita nel cantiere
INDAGINI

Gela, operaio precipita da un'impalcatura: è grave. Troupe televisiva aggredita nel cantiere

Grave incidente sul lavoro oggi in Sicilia. Un operaio di 36 anni di Gela è precipitato da una impalcatura di un cantiere edile facendo un volo di sei metri. L'uomo è stato soccorso dai colleghi presenti che hanno immediatamente allertato un'ambulanza.

Giunti sul posto, i sanitari lo hanno imbracato, caricato sul mezzo e trasportato al pronto soccorso dell’ospedale “Vittorio Emanuele”. Adesso si trova ricoverato in gravi condizioni per le ferite riportate in seguito alla caduta. L’operaio è stato anche sottoposto al test Covid-19 ed è risultato positivo.

Dopo l'incidente sul lavoro, la troupe televisiva di Rete Chiara, che si trovava in quel luogo per effettuare un servizio giornalistico sulla crisi idrica, mentre effettuava alcune riprese all’interno del cantiere, sarebbe stata aggredita dagli operai che hanno intimato di andare via. Ci sarebbero stati anche spintoni. L'accaduto è al vaglio delle forze dell'ordine che stanno indagando sia sull'incidente che sull'aggressione. Gli inquirenti dovranno stabilire i motivi della caduta e accertare la regolarità delle misure di sicurezza all'interno del cantiere.

Filca Cisl: aumentare i controlli e fare black list delle imprese non in regola

«Non è più possibile assistere all'ennesimo incidente sul lavoro che mette a rischio l'incolumità di tanti operai che, pur di portare a casa un pezzo di pane per le proprie famiglie, devono fare i conti con l'assoluta negligenza delle imprese in tema di sicurezza e prevenzion».
Lo dicono, in una nota congiunta, il segretario della Fica Cisl Sicilia, Paolo D'Anca e il segretario della Filca Cisl Agrigento, Franco Sodano, commentando la notizia dell'incidente che ha coinvolto un operaio di 36 anni di Gela, che è precipitato da un'impalcatura di un cantiere edile, facendo un volo di sei metri.

«Da tempo ormai rivendichiamo la correttezza e il rispetto delle norme di sicurezza nei cantieri di lavoro e sono sempre più i casi in cui si riscontra un'assoluta assenza delle regole basilari per la tutela dei lavoratori. È inconcepibile - concludono- che l'operaio coinvolto nell'incidente di Gela sia stato trovato anche positivo al Covid. Ci auguriamo che si faccia luce presto su quanto accaduto e che si individuino i responsabili e si provveda alle sanzioni e l'inserimento eventuale dell'impresa in una black list per evitare che debba scappare il morto per mettere in sicurezza chi lavora nei cantieri. Esprimiamo inoltre la nostra solidarietà alla troupe televisiva di Rete Chiara, che è stata aggredita mentre effettuava alcune riprese all’interno del cantiere».

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X