stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Nicosia, nessuna responsabilità per la morte della paziente: assolte due ginecologhe
IN APPELLO

Nicosia, nessuna responsabilità per la morte della paziente: assolte due ginecologhe

La prima sezione della Corte di Appello di Caltanissetta, presieduta dal Giovanbattista Tona, ha confermato l’assoluzione, «perché il fatto non sussiste», delle due ginecologhe Maria Di Costa, difesa dall’avvocato Salvatore Timpanaro, e Rosaria Vena, assistita dal penalista Francesco Greco, per la morte di Antonella Seminara, avvenuta nella notte tra il 4 ed il 5 agosto del 2013, dopo un parto cesareo all’ospedale Basilotta di Nicosia.

Le due ginecologhe, in primo grado, erano state assolte dal tribunale di Enna. La Procura di Nicosia aveva contestato nel 2013 ad entrambe le ginecologhe e ad altri sanitari, la cui posizione era stata poi archiviata, il reato di omicidio colposo, per avere omesso di effettuare un intervento di isterectomia sulla paziente, che era deceduta per una massiva emorragia dopo il trasferimento in urgenza in elisoccorso all’ospedale di Sciacca, essendo indisponibile un posto in rianimazione a Enna. Il Tribunale di Enna, presieduto da Francesco Pitarresi, nella motivazione, sposò la tesi dei difensori dei medici sottolineando il «malfunzionamento strutturale» della rete per l’assistenza ai pazienti per i continui «tagli», con la struttura priva di reparto di rianimazione, sia in termini di funzionalità dell’elisoccorso. La donna sarebbe morta, quindi, per i ritardi con i quali, nonostante le tante telefonate, si riuscì a trovare un posto letto in un altro ospedale in un reparto di terapia intensiva. Rigettati gli appelli proposti dal marito, dai genitori e dal fratello della vittima.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X