stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Definitiva confisca da 4 milioni a commercialista di Gela: c'è anche una riserva di caccia a Piazza Armerina
DIA

Definitiva confisca da 4 milioni a commercialista di Gela: c'è anche una riserva di caccia a Piazza Armerina

beni confiscati, Caltanissetta, Cronaca
Fermo immagine dal video diffuso dalla Dia in occasione della confisca del 23 marzo 2021 al commercialista

È diventata definitiva la confisca di beni per 4 milioni al commercialista di Gela Salvatore Cascino, di 50 anni. La Direzione investigativa antimafia ha eseguito il provvedimento che prevede la confisca di beni e società per 4 milioni di euro. Il provvedimento è stato emesso dalla Sezione Misure di prevenzione del tribunale di Caltanissetta su proposta della procura gelese e fa seguito a quello del 23 marzo 2021.

Il commercialista e consulente fiscale ha precedenti penali per gravi illeciti fiscali commessi nel nord Italia nell’ambito della sua professione. Tra i beni confiscati, una lussuosa struttura a Piazza Armerina, costituita da una riserva di caccia di 30 ettari, da un salone ristorante e da sette residence costituiti da caseggiati prestigiosamente ristrutturati risalenti all’Ottocento, nonché 74 beni immobili (fabbricati e terreni), quote societarie in due società di Gela, autoveicoli e rapporti bancari.

Nel settembre del 2010 Cascino è stato destinatario di provvedimento cautelare, emesso dal gip di Brescia, in ordine ai reati di associazione per delinquere, falsità materiale e truffa ai danni dello Stato mediante indebite compensazioni tributarie, reati per i quali è stato condannato alla pena di due e un mese di reclusione. Un’ulteriore serie di illeciti, al centro di altri procedimenti penali con riferimento a reati di tipo economico-fiscale, nonché l’assidua frequentazione di pregiudicati con precedenti analoghi, hanno spinto a ritenerlo «socialmente pericoloso».

Gli accertamenti delegati dalla procura della Repubblica gelese alla Dia, sfociati nel provvedimento di confisca definitiva rappresentano, peraltro, anche la ripresa e la prosecuzione di attività investigative, risalenti al 2009, che avevano consentito non soltanto di accertare la sproporzione tra il suo elevato tenore di vita e il consistente patrimonio immobiliare a fronte degli esigui redditi fiscalmente dichiarati, ma di ritenere anche che gli ingenti compensi, frutto delle attività illecite, siano stati reinvestiti in attività imprenditoriali nel settore turistico-alberghiero.

Qui sotto le immagini dei beni confiscati: il servizio di Tgs è del 23 marzo 2021, giorno della confisca oggi divenuta definitiva

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X