stampa
Dimensione testo
IL PROVVEDIMENTO

Muos, sequestrato l'impianto satellitare di Niscemi - Video

Il sequestro è stato disposto dal procuratore di Caltagirone per violazione del vincolo paesaggistico di inedificabilità assoluta presente in una riserva naturale

NISCEMI. La procura di Caltagirone ha ordinato il sequestro dell'impianto satellitare Usa Muos nella riserva di Niscemi. Il provvedimento fa seguito alla decisione del Tar di Palermo che aveva accolto i ricorsi dei No-Muos contro la prosecuzione dei lavori di realizzazione dell'impianto di Tlc nella base americana.

Il sequestro è stato disposto dal procuratore di Caltagirone, Giuseppe Verzera, per violazione del vincolo paesaggistico di inedificabilità assoluta presente in una riserva naturale, al quale sono sottoposte anche le costruzioni di carattere militare. Il provvedimento è stato già notificato al comandante del contingente militare statunitense presente nella base di Sigonella. L'esecuzione è del nucleo di polizia giudiziaria della Polizia municipale della Procura di Caltagirone.

Il sindaco di Niscemi: sequestro è notizia che aspettavamo. "Anche la procura ci difende. E' la notizia che aspettavamo, rende giustizia a chi ha lottato in questi anni per fermare il Muos, sono contento e anche i cittadini di Niscemi lo sono". Lo dice il sindaco di Niscemi Franco La Rosa dopo il sequestro da parte della procura di Caltagirone dell'impianto satellitare Usa Muos, nella riserva naturale della Sughereta a Niscemi.

La Rosa aggiunge: "Abbiamo sempre riposto fiducia nella magistratura, un po' meno nella politica, a cui chiediamo di fare passi indietro bloccare il Muos e trasferirlo in una zona senza abitanti. Al posto dell'impianto satellitare spero che venga realizzato un ecomuseo delle Scienze, che attragga turisti qui a Niscemi". Poi riferendosi alla manifestazione nazionale il programma il 4 aprile a Niscemi, il sindaco dice: "Sarà una giornata di festa, passeggeremo nella Sughereta, respirando i profumi della natura".

Soddisfazione in casa Cinquestelle e delle mamme No Muos. Giampiero Trizzino M5S, presidente commissione Ars: “Esprimiamo soddisfazione per il provvedimento di sequestro, un atto più che doveroso, dopo il recente pronunciamento del Tar. Crocetta in questo momento ha poche revoche da architettare e si inchini alle legge. Ad ogni modo, siamo consapevoli che questo non è l'ultimo passaggio, per questo motivo alla fine del mese illustreremo ai deputati del Parlamento europeo le ragioni della nostra ferma opposizione all'impianto di Niscemi”.

Concetta Gualato, presidente del comitato Mamme no Muos: “Siamo entusiasti, la legge è dalla nostra parte. I politici che fino ad oggi sono scesi a compromessi devono farsene una ragione. Il Muos è pericoloso ed abusivo”.

USA: "PRENDIAMO ATTO DELLA DECISIONE" - «Prendiamo atto della decisione della Procura di Caltagirone di ordinare il sequestro dell'impianto satellitare Muos a seguito della decisione del Tar di Palermo». Lo afferma l'ufficio stampa stazione aeronavale della marina Usa di Sigonella, ribadendo che «ogni nostra azione avviene nel pieno rispetto della normativa italiana, ci auguriamo una rapida risoluzione del contenzioso al fine di garantire un efficace sistema di comunicazione finalizzato alla difesa».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X