stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca «Rapita, drogata e stuprata» a Caltanissetta: in aula il racconto del padre
TRIBUNALE

«Rapita, drogata e stuprata» a Caltanissetta: in aula il racconto del padre

di

CALTANISSETTA. Due ore o poco più per ripercorrere in aula, dinanzi ai magistrati, sempre a porte rigorosamente chiuse, la storia choc della figlia. Mentre loro, i sospetti carcerieri che per cinque giorni avrebbero tenuto prigioniera in casa la studentessa, drogata e violentata, costringendola pure a prostituirsi con altri stranieri – questa è la tesi dell’accusa – hanno scelto la via del silenzio.

Al cospetto dell’Assise ieri hanno scelto di non rispondere. Di non sottoporsi ad esame. Come nella loro facoltà.

Strategia difensiva che è stata adottata ieri dal il trentacinquenne Cross Agbai, il quarantenne Lawrence Ko Oboh, il trentaduenne Majesty Wibo, il ventottenne Amaize Twhoi Ojeomkhhi e il ventiquattrenne Lucky Okosodo, (difesi dagli avvocati Giovanni Bellino, Michele Caruso e Mauro Lombardo).

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X