stampa
Dimensione testo
BIORAFFINERIA

Eni apre le porte dello stabilimento di Gela: in 400 vanno a visitarla

Porte aperte ieri alla bioraffineria di Gela, nell'ambito dell'iniziativa «Energie aperte», per una visita dei nuovi impianti per la produzione di biocarburanti e dell'impianto pilota Waste to Fuel.

Ai visitatori, circa 400, è stato permesso di visitare l'impianto pilota di Syndial Waste to fuel, per la trasformazione del rifiuto organico in bio olio e l'impianto Stream reforming per la produzione di idrogeno.

Alla presentazione della raffineria decarbonizzata, che punta ad un ciclo produttivo circolare e green, sono intervenuti l'amministratore delegato della Raffineria di Gela Ignazio Arces, il presidente Francesco Franchi e Sandro Olivieri di Syndial. Il presidente della Raffineria di Gela Franchi si è soffermato sulla richiesta energetica «che entro il 2040 aumenterà del 30%».

Fino ad oggi le produzioni primarie di energia sono petrolio e gas e solo 10% di produzione energetica giunge da biomasse e rifiuti. E proprio su questi ultimi due ambiti si sono concentrati gli investimenti di Eni a Gela, così come raccontato da Donata Calabrese oggi sulle pagine del Giornale di Sicilia. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X