stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Inchiesta a Santa Caterina, offerti incontri sessuali al sindaco per avere gli appalti
CORRUZIONE

Inchiesta a Santa Caterina, offerti incontri sessuali al sindaco per avere gli appalti

Avrebbe fatto la cresta sull’indennità di alcuni assessori per fare fronte alle promesse elettorali, tra cui il pagamento di bollette a cittadini indigenti. Ma non solo: per accaparrarsi gli appalti un imprenditore gli avrebbe offerto promesse d’incontri sessuali con donne.

Come racconta Vincenzo Falci sul Giornale di Sicilia in edicola, ci sarebbe anche questo nella presunta gestione feudale del sindaco di Santa Caterina, Antonio Fiaccato, finito ai domiciliari insieme al suo vice, Agatino Macaluso e l’assessore Giuseppe Natale tra le pieghe dell’inchiesta, nome in codice «Cerbero», di carabinieri e guardia di finanza di Caltanissetta.

Dossier che globalmente ha coinvolto trentadue indagati – tra amministratori comunali di Santa Caterina, dirigenti pubblici, imprenditori e professionisti – ai quali, a vario titolo, sono state contestate le ipotesi di per associazione a delinquere, concussione, corruzione, turbata libertà degli incanti e falso ideologico, abuso di ufficio.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X